NOCTURNE
"Quando dici molte parole, non sempre significano qualcosa, o forse non significano nulla comunque, e noi pensiamo solo che vogliano dire qualcosa". -Delirio-
:: By the pricking of my thumbs, Something wicked this way comes... :: :: HoMe Luna-link alla mia homepage | *Qualcosa da dichiarare?*|

" Sono fin troppo consapevole del fatto che si vive in un'epoca in cui solo gli ottusi sono presi sul serio
e io vivo nel terrore di non essere frainteso." (Oscar Wilde)

QUELO

"Le c0se n0n SeRve chE SiaNo aCcaDutE pEr eSsere vEre.
I RaCconti e i SognI son0 le vErità omBrA che durEraNno quanDo i seMplIci fAtTi sAraNno p0lVere e cEneri, e DimentIcati."
(Sogno, in Terre del Sogno)


Questo è un blog decappizzato
*A me MI piace*:
Il rosso intenso, gli orsi, cucinare, la corte Unseelie, la cancelleria, il verso dei corvi alla mattina, ma pensandoci bene i Corvi in tutto, la radio, cantare, le Storie, la neve fitta fitta, il sushi, la pioggia sugli abbaini, Guglielmo Scuotilancia, il vento di febbraio, Tori Amos, i dolci di carnevale, Il parco Talon, il caffè lungo filtrato, l'Irlanda, Baudelaire, Goldrake, fotoscioppp, i glitter, il ciclo Arturiano, Lush, la lingua Giapponese, Laurell K. Hamilton, giocare di ruolo, i fumetti, scrivere, lo swing, nuotare nei fiumi, i treni, Hogwarts, il Kyr Royal, gli appennini, ancora 5 minuti, Star Trek, tirar mattina, le candele che odorano di candela, creare cose, Spike, i maron glacés, il profumo all'anice stellato, la marmellata di rose, accendere il fuoco...





*A me invece non MI piace*:
La televisione al mattino, I carciofi, il lunedì, la Fallaci, l'emicrania, Fabio e Fiamma, le brioches scadenti, i realisti sempre e comunque, l'aceto, quelli che'giappione, cina, è uguale...', essere presa in giro, la dieta, svegliarsi presto, i telefoni, chi parla al cinema, il limone sul salato, i criticoni, la banalizzazione, il mal di piedi, la neve quando si sporca, i reality sciò, il gelato fatto con "le polverine", guidare in montagna, l'acqua gassata, Bush, la grappa, il traffico, le trasmissioni sportive, l'insonnia, i bagni alla turca, le vespe, i giornali economici, l'odore di sigaretta la mattina, Celentano, i vigili urbani, il naso chiuso, le mezze stagioni, Fabio e Fiamma, le mode lessicali...




[::.. Post on the Spot ..::]
:: Takling about Tolkien
:: Quesiti di Astronomia
:: Analizzando l'ammmore
:: The Iron Pagoda
[::.. Altre storie ..::]
:: La mia HOMEPAGE
:: Storie di Felsina
:: Tanachvil Flickr
:: DevianTANart
:: MySpace
:: Studio Dronio
:: Bascanos
:: Faeryboy
:: Bottomfioc
:: L.K.Hamilton
:: Valerio Evangelisti
:: Neil Gaiman
:: Neil Gaiman 2
:: AMERICAN GODS
:: JK Rowling
:: Bardolatry
:: The Kevin Bacon Game!
:: Hyper Trek
:: TrekPortal
:: Sexylosers
:: FURIAE
:: PotterPuppetPals!
:: Harry Potter Forum
:: TechnoratiProfile
:: Wikiquote

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***
No1984
Blog Aggregator 3.0 - The Filter
My Amazon.com Wish List

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***

[::..PersoneNellaRete..::]
:: Notturno Felsineo-1
:: A laMesa y a laCama
:: Il cielo sopra Merlino
:: Masayume
:: MondoSecco
:: Vuoleunapellesplendida
:: MazingaAvanti!
:: Byron
:: Risveglio Antropomorto
:: Altromail
:: ZombieGlam
:: Eriadan
:: Monkeyling
:: Dialoghi allucinanti...
:: Brokenmirror
:: SeChAt
:: TLUC
:: HeartShapedKitekat
:: La Locanda
:: Fulmini nell'oscurità
:: Macchianera
:: Macchissenefrega
:: Il cammino del lupo
:: Ctr-alt-canc
:: Citirrì
:: Sestaluna
:: Il blog di Neil Gaiman
:: Giusec&Frienz

[::...Scrivo anche su...::]

Dei o Demoni


*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***
::Hai voglia di parlare?::

Chat
Eowyn di provincia cerca Faramir, anche non numenoreano.
Astenersi perditempo e promessi sposi di principesse elfiche in cerca di emozioni.


*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***
Licenza Creative Commons
Quest' opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.
Blogger Bolognesi Uniamoci! ;)
[::..Quel che e' stato..::]
ottobre 2002 novembre 2002 dicembre 2002 gennaio 2003 febbraio 2003 marzo 2003 aprile 2003 maggio 2003 giugno 2003 luglio 2003 agosto 2003 settembre 2003 ottobre 2003 novembre 2003 dicembre 2003 gennaio 2004 febbraio 2004 marzo 2004 aprile 2004 maggio 2004 giugno 2004 luglio 2004 agosto 2004 settembre 2004 ottobre 2004 novembre 2004 dicembre 2004 gennaio 2005 febbraio 2005 marzo 2005 aprile 2005 maggio 2005 giugno 2005 luglio 2005 agosto 2005 settembre 2005 ottobre 2005 novembre 2005 dicembre 2005 gennaio 2006 febbraio 2006 marzo 2006 aprile 2006 maggio 2006 giugno 2006 luglio 2006 settembre 2006 ottobre 2006 novembre 2006 dicembre 2006 gennaio 2007 febbraio 2007 marzo 2007 aprile 2007 maggio 2007 giugno 2007 luglio 2007 agosto 2007 settembre 2007 ottobre 2007 novembre 2007 dicembre 2007 febbraio 2008 marzo 2008 aprile 2008 maggio 2008 giugno 2008 luglio 2008 settembre 2008 ottobre 2008 novembre 2008 dicembre 2008 gennaio 2009 febbraio 2009 marzo 2009 aprile 2009 maggio 2009 luglio 2009 febbraio 2010 aprile 2010 maggio 2010 agosto 2010 settembre 2010 ottobre 2010 novembre 2010 marzo 2011 agosto 2011
** ** *°* ** **

“Quando il fato t’è contrario e mancato ti è il successo... Smetti di far castelli in aria e va a piangere sul...”

CURRENT MOON
moon phases
** ** *°* ** **


::domenica, dicembre 21, 2003 ::

Due parole sulla Locanda...

Già, alla fine si è organizzato, preparato e giocato questo live atipico alla Locanda alla fine die mondi.
Bello.
Come raccontarlo?
Beh, venerdì mattina mi sono calciata giù dal letto verso le otto, alle otto e mezzo ero dentro al supermercato, poi la doccia, la borsa, a prendere il costume a riportare la macchina a prendere le chavi, l'altra machcina, parcheggia, carica, saluta, parti... PANT!

Mi sono dovuta fare una tabella di marcia così precisa e nazista che alla fine ero più morta che viva quando, alle 16.00 mi sono trascinata dentro al bar di Imola.
Poi siamo andati su e il pomeriggio cuciniero-preparatorio è scivolato via liscio liscio, chiacchierante e nemmeno troppo faticoso.
Gli altri hanno cominciato ad arrivare verso le nove e abbiamo cominciato a giocare sulle dieci.
Tutti fighissimi, costumi stre-pi-to-si e facce da bambini al parco giochi...
Effettivamente, pensateci un attimo, voi giocatori di ruolo là fuori: avete la possibilità di giocarvi un personaggio a vostra scelta, quello che preferite, il vostro personaggio preferito del vostro libro preferito, del vostro film feticcio, il vostro mito, senza limitazioni...
Le conversazioni al tavolo alla fine si sono sviluppate su deliri di vario genere e natura, dal mistico-filosofico al politico-rivoluzionario, qualcuno più spaesato, qualcuno più traquillo.
Molto cibo e molto vino hanno aiutato a sciogliere imbarazzi e dubbi vari, la serata è scivolata via liscia, divertente, intensa, quasi troppo breve. Anzi, lo dico proprio: troppo breve!
Poi, vabbeh, si sgombere, si chiacchiera, si dorme...O almeno ci si prova.
Devo aver avuto un paio di minuti di stordimento totale quando il Buon Jizzo mi ha piantata a terra con La-Cuscinata-Definitiva... L'unico cuscinio con un peso specifico pari a quello del piombo è calato sulla mia capoccia con grazia letale...sigh!
Poi il freddo...Cazzo che freddo! Non so se fosse il riscaldamento a funzionare male o che, ma so che nelle altre stanze e persino fuori all'aria aperta era molto più caldo che dentro quel freezer che era la nostra stanza... Dire che ho dormito è troppo, ho sonnecchiato fino alla rinuncia.
Pinguini 1 - Tanà 0
E mi sono svegliata decisamente storta, non c'è che dire.
Ci sono quelle mattine in cui ci si sveglia storti, ci si sente spaesati e ti girano vorticosamente i coglioni ad ogni cosa che va anche minimamente male. Ecco.
Le mie paglie finite chissà dove in un limbo interdimensionale tra il letto di Mitch e le risposte vaghe di Atnenore, le pulizie, il mal di testa...Faccio un giro su per il bosco scoprendo un paesaggio fantastico di erba verdissima, ghiaccio luccicante e silenzio. Incrocio una volpe. Ci guardiamo un attimo. Ha l'aria di chi si è svegliato storto anche lei.Ci ignoriamo nonstante il mio primo impulso fosse stato quello di tentare un azzardato avvicinamentop'ro carezze. Non credo che avrebbe acconsentito né apprezzato.
Giro i tacchi e scendo di nuovo.
Il resto è il delirio.
Arrivo a Bologna di corsa, perché alle tre e mezzo c'è la festa per i novant'anni di mio nonno, telefono per strada a mia amdre dicendo che dovrei riuscire a passare da casa per appoggiare borse, cose inutili e darmi una velocissima sistemata, oltre che epr parcheggiare la macchina di mia sorella e salire in macchina con loro.
A quel punto la mia autonomia al volante è già in netto ribasso. Mi tiene sveglia solo la quantità industriale di caffé ingurgitata al mattino, ma sento che non durerà.
All'altezza di Ozzano comincio a sentirmi 'calare la palpebra' con veemenza.
Tieni duro, mi dico, manca poco.
Arrivo sotto casa e comincio a cercare parcheggio...In centro. Il sabato prima di Natale. Ah! Ridicola!
Più di mezz'ora di giri e alla fine lo trovo, un po'distante, ma lo trovo.
Sto ultimando la manovra quandp mi suona il telefono. E' mia madre.
"Noi andiamo via che passiamo a prendere tua sorella a casa..."
Rimango un istante perplessa e replico che mi aspettino, che sto aprcheggiando, che arrivo subito...
"Ma noi dobbiamo andare..."
Si ma aspettatemi porcocazzo! Se no evitavo di aprcheggiare e quindi di girare in tondo in cerca di un posto per mezzora, no???
Chiudo la macchina e, carica di borse, e pacchetti corro a casa, a quel punto sto esaurendo ongi micron di energia rimasta.
Arrivo su e li trovo già sulla porta, gli dico di aspettare una ttimo che appoggio valigia e borse e sono con loro.
"Ma...veramente abbiamo pensato che è melgio se prendi anche tu la macchina."
...
...
...
Credo di aver sfoggiato il mio migliore sguardo assassino...
Ma taccio, esco e rivado a prendere la cazzo di macchina per parcheggiare la quale ho girato mezz'ora, a questo punto totalmente INUTILMENTE dato che la sto per spostare di nuovo.
Mi avvio, bestemmiando come in un mantra continuo, verso casa dei nonni. Ilò nervoso almeno mi tiene sveglia. Medito su una maniera elegante epr amndare a fare in culo la famiglia.
Mentre sono in coda su via S.Donato mi chiama mia sorella.
"Dove sei? Quando arrivi?"
La prima risposta che mi sale alle labbra è una di quelle bestemmie secche e decise che poco si addicono alla bocca di una signorina. Così mi trattengo. Ma ugualmente il risultato è che la sorella se la prenda e mi chiuda il telefono in faccia.
A quel punto rimpiango di aver lasciato il falcetto usato per fare Morgana a casa...
Sopporto stoicamente la massa parentale, i rimproveri e tutta una serie di altre sgradevolezze di cui non sto a dirvi e poi, finally, sono a casa, svengo sul letto col desiderio di non rialzare il capino se non per il caffé la mattina seguente. Cosa che effettivamente si verifica.
L'unica soluzione con le giornate che iniziano male è terminarle il prima possibile!



:: Tanachvil alle 12:08 ::pErMaLiNk::
:: Abbiamo vinto 0 Commenti: Usate questo d'ora in poi!!! ::


Questo link resterà qui per un po', per farvi leggere i vecchi commenti, ma d'ora in avanti usate il nuovo link là sopra, grazie!

'^°-.,_,.-°^'^°-.,_ :: :: Double, double, toil and trouble, fire burn and cauldron bubble...:: :: _,.-°^'^°-.,_,.-°^'


This page is powered by 
Blogger. Isn't yours?