NOCTURNE
"Quando dici molte parole, non sempre significano qualcosa, o forse non significano nulla comunque, e noi pensiamo solo che vogliano dire qualcosa". -Delirio-
:: By the pricking of my thumbs, Something wicked this way comes... :: :: HoMe Luna-link alla mia homepage | *Qualcosa da dichiarare?*|

" Sono fin troppo consapevole del fatto che si vive in un'epoca in cui solo gli ottusi sono presi sul serio
e io vivo nel terrore di non essere frainteso." (Oscar Wilde)

QUELO

"Le c0se n0n SeRve chE SiaNo aCcaDutE pEr eSsere vEre.
I RaCconti e i SognI son0 le vErità omBrA che durEraNno quanDo i seMplIci fAtTi sAraNno p0lVere e cEneri, e DimentIcati."
(Sogno, in Terre del Sogno)


Questo è un blog decappizzato
*A me MI piace*:
Il rosso intenso, gli orsi, cucinare, la corte Unseelie, la cancelleria, il verso dei corvi alla mattina, ma pensandoci bene i Corvi in tutto, la radio, cantare, le Storie, la neve fitta fitta, il sushi, la pioggia sugli abbaini, Guglielmo Scuotilancia, il vento di febbraio, Tori Amos, i dolci di carnevale, Il parco Talon, il caffè lungo filtrato, l'Irlanda, Baudelaire, Goldrake, fotoscioppp, i glitter, il ciclo Arturiano, Lush, la lingua Giapponese, Laurell K. Hamilton, giocare di ruolo, i fumetti, scrivere, lo swing, nuotare nei fiumi, i treni, Hogwarts, il Kyr Royal, gli appennini, ancora 5 minuti, Star Trek, tirar mattina, le candele che odorano di candela, creare cose, Spike, i maron glacés, il profumo all'anice stellato, la marmellata di rose, accendere il fuoco...





*A me invece non MI piace*:
La televisione al mattino, I carciofi, il lunedì, la Fallaci, l'emicrania, Fabio e Fiamma, le brioches scadenti, i realisti sempre e comunque, l'aceto, quelli che'giappione, cina, è uguale...', essere presa in giro, la dieta, svegliarsi presto, i telefoni, chi parla al cinema, il limone sul salato, i criticoni, la banalizzazione, il mal di piedi, la neve quando si sporca, i reality sciò, il gelato fatto con "le polverine", guidare in montagna, l'acqua gassata, Bush, la grappa, il traffico, le trasmissioni sportive, l'insonnia, i bagni alla turca, le vespe, i giornali economici, l'odore di sigaretta la mattina, Celentano, i vigili urbani, il naso chiuso, le mezze stagioni, Fabio e Fiamma, le mode lessicali...




[::.. Post on the Spot ..::]
:: Takling about Tolkien
:: Quesiti di Astronomia
:: Analizzando l'ammmore
:: The Iron Pagoda
[::.. Altre storie ..::]
:: La mia HOMEPAGE
:: Storie di Felsina
:: Tanachvil Flickr
:: DevianTANart
:: MySpace
:: Studio Dronio
:: Bascanos
:: Faeryboy
:: Bottomfioc
:: L.K.Hamilton
:: Valerio Evangelisti
:: Neil Gaiman
:: Neil Gaiman 2
:: AMERICAN GODS
:: JK Rowling
:: Bardolatry
:: The Kevin Bacon Game!
:: Hyper Trek
:: TrekPortal
:: Sexylosers
:: FURIAE
:: PotterPuppetPals!
:: Harry Potter Forum
:: TechnoratiProfile
:: Wikiquote

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***
No1984
Blog Aggregator 3.0 - The Filter
My Amazon.com Wish List

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***

[::..PersoneNellaRete..::]
:: Notturno Felsineo-1
:: A laMesa y a laCama
:: Il cielo sopra Merlino
:: Masayume
:: MondoSecco
:: Vuoleunapellesplendida
:: MazingaAvanti!
:: Byron
:: Risveglio Antropomorto
:: Altromail
:: ZombieGlam
:: Eriadan
:: Monkeyling
:: Dialoghi allucinanti...
:: Brokenmirror
:: SeChAt
:: TLUC
:: HeartShapedKitekat
:: La Locanda
:: Fulmini nell'oscurità
:: Macchianera
:: Macchissenefrega
:: Il cammino del lupo
:: Ctr-alt-canc
:: Citirrì
:: Sestaluna
:: Il blog di Neil Gaiman
:: Giusec&Frienz

[::...Scrivo anche su...::]

Dei o Demoni


*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***
::Hai voglia di parlare?::

Chat
Eowyn di provincia cerca Faramir, anche non numenoreano.
Astenersi perditempo e promessi sposi di principesse elfiche in cerca di emozioni.


*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***
Licenza Creative Commons
Quest' opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.
Blogger Bolognesi Uniamoci! ;)
[::..Quel che e' stato..::]
ottobre 2002 novembre 2002 dicembre 2002 gennaio 2003 febbraio 2003 marzo 2003 aprile 2003 maggio 2003 giugno 2003 luglio 2003 agosto 2003 settembre 2003 ottobre 2003 novembre 2003 dicembre 2003 gennaio 2004 febbraio 2004 marzo 2004 aprile 2004 maggio 2004 giugno 2004 luglio 2004 agosto 2004 settembre 2004 ottobre 2004 novembre 2004 dicembre 2004 gennaio 2005 febbraio 2005 marzo 2005 aprile 2005 maggio 2005 giugno 2005 luglio 2005 agosto 2005 settembre 2005 ottobre 2005 novembre 2005 dicembre 2005 gennaio 2006 febbraio 2006 marzo 2006 aprile 2006 maggio 2006 giugno 2006 luglio 2006 settembre 2006 ottobre 2006 novembre 2006 dicembre 2006 gennaio 2007 febbraio 2007 marzo 2007 aprile 2007 maggio 2007 giugno 2007 luglio 2007 agosto 2007 settembre 2007 ottobre 2007 novembre 2007 dicembre 2007 febbraio 2008 marzo 2008 aprile 2008 maggio 2008 giugno 2008 luglio 2008 settembre 2008 ottobre 2008 novembre 2008 dicembre 2008 gennaio 2009 febbraio 2009 marzo 2009 aprile 2009 maggio 2009 luglio 2009 febbraio 2010 aprile 2010 maggio 2010 agosto 2010 settembre 2010 ottobre 2010 novembre 2010 marzo 2011 agosto 2011
** ** *°* ** **

“Quando il fato t’è contrario e mancato ti è il successo... Smetti di far castelli in aria e va a piangere sul...”

CURRENT MOON
moon phases
** ** *°* ** **


::martedì, aprile 05, 2005 ::

...Quel lungo post sul Papa

Ho lasciato alcuni giorni di silenzio.
Un po' avevo poco o niente da scirvere, un po' volevo evitare di scrivere di quello di cui tutto il mondo stava parlando.

Un po' per evitare di accodarmi al carrozzone del Reality Death, un po' perché se già non ne potevo più di sentirne, figuriamoci quanta volgia avevo di parlarne.

Adesso che quel che doveva succedere è successo,a desso che è passato qualche giorno, vorrei fermarmi a fare qualche considerazione sulla morte del Papa.


Non sono cristiana e non mi riconosco quindi in quel gruppo di persone che piangono la dipartita del loro capo spirituale.
Sono però rimasta ugualmente molto colpita, come tutti, dall'impatto enorme che ha avuto il succedersi di eventi degli ultimi giorni.

O meglio, il succedersi di non-eventi.

Un solo fatto: Karol Woytila è morto.
Un fatto nemmeno minimamente inaspettato, come ovvio. Erano mesi che le condizioni di salute del Pontefice non lasciavano speranza alcuna.

Attorno a questo fatto la stampa e , in particolare, la televisione, si è trovata a dover imbastire il proprio circo.

Fin dalla sera di giovedì, quando il tracollo è iniziato, la stampa telvisiva ha cominciato a fare vedere bene di che stoffa era fatta: qui la notizia, per i primi venti-trenta minuti, c'era:
Il Papa si è molto aggravato. Nesssuno ancora lo dichiara ufficialmente, ma morirà presto.

Ma da giovedì inizia l'agonia ufficiale di Woytila e della stampa italiana, che dopo una notte di semidiretta con Piazza S. Pietro non sa più bene cosa fare.

Come muoversi?
Cominciare a trasmettere e pubblicare coccodrilli e speciali commemorativi oppure attendere l'effettiva morte?

Nel primo caso si dilapida, piano piano e non si sa per quanto, quello che in qualche anno si è preparato con cura per l'evento,(credo di non dirvi nulla di nuovo, ovviamente i coccodrilli del Papa erano pronti e praticamente impaginati da anni)col rischio di arrivare al momento del decesso e non avere più nulla da trasmettere.
Nel secondo caso si rischia di prendere il 'buco' dai concorrenti, continuando con una programmazione normale mentre gli altri pompano a mille sull'agonia e sulla compassione.

Bel dilemma.

Alla fine, perfettamente consci del problema, la maggior parte dei media ha optato per un compromesso: parleremo e trasmetteremo e commenteremo solo-e-unicamente della situazione in Vaticano, ma non sprecheremo troppo di quello che abbiamo preparato.

Ovvero: decine e decine di ore di INSULSA e VERGOGNOSA diretta dalla piazza, dalle chiese e dalle case, senza nulla da dire, se non le stesse frasi di circostanza che, a lungo andare, hanno cominciato a urtare persino chi, in un primo momento, le aveva sentite come sue.
Un carrozzone mediatico immenso ha aperto i battenti, senza nulla da dire e con, come sfondo, un uomo che sta morendo e che meriterebbe forse un po' di dignità e rispetto in più.


In tutto quel tempo (non molto a dire il vero, un paio di gg) la cosa che finisce per commuovermi e me ne stupisco, è la conferenza stampa di Navaro Valls.

Non so per quale ragione, ma vedere quest'uomo che perde il controllo delle lacrime parlando delle condizioni di salute ormai disperate del Papa, quest'uomo che sta evidentemente mentendo, o comunque ponendo le cose in una luce irreale, quando dice che il Papa è lucido e sereno... Quest'uomo che forse è la cosa più vicina ad un amico che Karol Woytila avesse dice che Karol Woytila è lucido e sereno. Non contesto la serenità. A quella credo senza problemi.
Ad ogni modo, conta poco.

Tempo dopo arriva il comunicato del Vaticano che annuncia: il Papa ha l'elettroencefalogramma piatto.
La notizia viene confermata.
Ore dopo verrà dichiarato che il Papa ha parlato.
E la notizia viene presa come se niente fosse.
Per favore...

A quest'uomo morente non è mancata la dignità.
A molta stampa italiana (non tutta) sì.

Ad ogni modo il carrozzone si ferma per un attimo soltanto quando sabato sera Giovanni Paolo secondo finalmente muore.
E dico finalmente. Per lui.

Non trovo che questo Papa sia stato un santo, nè ho particolare simpatia per il ruolo che ha ricoperto, ho trovato aberranti molte sue posizioni e ho letto con piacere la critica del vaticanista Hans Kung, trovandola lucida e opportuna.
Ma un uomo che soffre come stava soffrendo questo, soprattuto se entra nella spirale dell'agonia, dell'allettamento forzato e di tutte le cose che chiunque ha assitito un malato nei suoi ultimi giorni conosce bene, non può che accogliere la morte e smettere finalmente di soffrire. Una lunga agonia non si augura a nessuno.


Ora è il momento del lutto e dei funerali.
Non vedo, intorno a me, nessun segno reale di tutto questo. Se non ci fossero televisione e radio (anche i giornali , ma si sono per fortuna mantenuti molto più sobri. Tranne il Carlino, è ovvio...) a ricordare che stiamo vivendo i giorni di lutto per il Papa, non noterei alcuna differenza.
La morte di un Pontefice è un evento storico. Mette in moto una catena di altri eventi storici, che culminerà con l'elezione del nuovo Papa.

Tutti coloro che vivono questi momenti con cordoglio e coinvolgimento hanno il mio massimo rispetto e la mia comprensione.
Il mondo, da parte mia ha perso una figura senz'altro eccezionale, non sono però sicura che sia stata una figura che si possa definire positiva.

Forse il problema è che si trattava di un Papa e un Papa non può fare altro che andare contro determinati modi di vedere che invece io ritengo civili e che faccio miei.
Un Papa, proprio perché è il Papa, va contro i miei principi morali e civili. Ma non ci posso fare nulla.

Capisco come Woytila sia stata una figura eccezionalmente carismatica e potente, un uomo che ha saputo usare i media come nessun religioso prima di lui.
Ma questo e le cose positive che può aver fatto, non bastano a renderlo 'Magno' per chi è al di fuori della Chiesa e anche per chi nè è all'interno. Servirebbe , credo, un'altra cosa che, sull'onda dell'entusiasmo, si sta dimenticando.

TEMPO

Non si può giudicare la vita e l'operato di un uomo quando il suo corpo è ancora caldo.
Il tempo è un giudice molto lento, ma anche estremamente più lucido dell'emozione.

Intorno a me non vedo veri segni di lutto, vedo solo televisione e radio che cercano di raccontarci un lutto ufficiale con sms e dediche sotto ai video musicali, interventi in diretta, canzoni vaticanamente corrette e melensaggini da Maria De Filippi.
Vedo un lutto imposto e prefabbricato che non sta facendo il suo lavoro.
Vedo un'insofferenza che ha colpito anche i cattolici.
Vedo un pastiche mediatico/politico/religioso che non riesco ancora bene a comprendere o a sbrogliare e che credo sarebbe interessante studiare per bene.

Ogni altra questione è passata in secondo piano.
Le elezioni regionali.
La politica estera.
Il Kirghizistan.
Quella vecchia storia di Nicola Calipari e Giuliana Sgrena di cui nessuno parla più...

E con il suo primo miracolo, Karol Woytila, fece dissolver le notizie dal mondo.

Mi dispiace Karol, ma dovrai provare con qualcosa di meno facile e di meno già visto in Italia.
Comunque sia, buon viaggio e saluti al tuo Principale.


:: Tanachvil alle 17:25 ::pErMaLiNk::
:: Abbiamo vinto 0 Commenti: Usate questo d'ora in poi!!! ::


Questo link resterà qui per un po', per farvi leggere i vecchi commenti, ma d'ora in avanti usate il nuovo link là sopra, grazie!

'^°-.,_,.-°^'^°-.,_ :: :: Double, double, toil and trouble, fire burn and cauldron bubble...:: :: _,.-°^'^°-.,_,.-°^'


This page is powered by 
Blogger. Isn't yours?