NOCTURNE
"Quando dici molte parole, non sempre significano qualcosa, o forse non significano nulla comunque, e noi pensiamo solo che vogliano dire qualcosa". -Delirio-
:: By the pricking of my thumbs, Something wicked this way comes... :: :: HoMe Luna-link alla mia homepage | *Qualcosa da dichiarare?*|

" Sono fin troppo consapevole del fatto che si vive in un'epoca in cui solo gli ottusi sono presi sul serio
e io vivo nel terrore di non essere frainteso." (Oscar Wilde)

QUELO

"Le c0se n0n SeRve chE SiaNo aCcaDutE pEr eSsere vEre.
I RaCconti e i SognI son0 le vErità omBrA che durEraNno quanDo i seMplIci fAtTi sAraNno p0lVere e cEneri, e DimentIcati."
(Sogno, in Terre del Sogno)


Questo è un blog decappizzato
*A me MI piace*:
Il rosso intenso, gli orsi, cucinare, la corte Unseelie, la cancelleria, il verso dei corvi alla mattina, ma pensandoci bene i Corvi in tutto, la radio, cantare, le Storie, la neve fitta fitta, il sushi, la pioggia sugli abbaini, Guglielmo Scuotilancia, il vento di febbraio, Tori Amos, i dolci di carnevale, Il parco Talon, il caffè lungo filtrato, l'Irlanda, Baudelaire, Goldrake, fotoscioppp, i glitter, il ciclo Arturiano, Lush, la lingua Giapponese, Laurell K. Hamilton, giocare di ruolo, i fumetti, scrivere, lo swing, nuotare nei fiumi, i treni, Hogwarts, il Kyr Royal, gli appennini, ancora 5 minuti, Star Trek, tirar mattina, le candele che odorano di candela, creare cose, Spike, i maron glacés, il profumo all'anice stellato, la marmellata di rose, accendere il fuoco...





*A me invece non MI piace*:
La televisione al mattino, I carciofi, il lunedì, la Fallaci, l'emicrania, Fabio e Fiamma, le brioches scadenti, i realisti sempre e comunque, l'aceto, quelli che'giappione, cina, è uguale...', essere presa in giro, la dieta, svegliarsi presto, i telefoni, chi parla al cinema, il limone sul salato, i criticoni, la banalizzazione, il mal di piedi, la neve quando si sporca, i reality sciò, il gelato fatto con "le polverine", guidare in montagna, l'acqua gassata, Bush, la grappa, il traffico, le trasmissioni sportive, l'insonnia, i bagni alla turca, le vespe, i giornali economici, l'odore di sigaretta la mattina, Celentano, i vigili urbani, il naso chiuso, le mezze stagioni, Fabio e Fiamma, le mode lessicali...




[::.. Post on the Spot ..::]
:: Takling about Tolkien
:: Quesiti di Astronomia
:: Analizzando l'ammmore
:: The Iron Pagoda
[::.. Altre storie ..::]
:: La mia HOMEPAGE
:: Storie di Felsina
:: Tanachvil Flickr
:: DevianTANart
:: MySpace
:: Studio Dronio
:: Bascanos
:: Faeryboy
:: Bottomfioc
:: L.K.Hamilton
:: Valerio Evangelisti
:: Neil Gaiman
:: Neil Gaiman 2
:: AMERICAN GODS
:: JK Rowling
:: Bardolatry
:: The Kevin Bacon Game!
:: Hyper Trek
:: TrekPortal
:: Sexylosers
:: FURIAE
:: PotterPuppetPals!
:: Harry Potter Forum
:: TechnoratiProfile
:: Wikiquote

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***
No1984
Blog Aggregator 3.0 - The Filter
My Amazon.com Wish List

*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***

[::..PersoneNellaRete..::]
:: Notturno Felsineo-1
:: A laMesa y a laCama
:: Il cielo sopra Merlino
:: Masayume
:: MondoSecco
:: Vuoleunapellesplendida
:: MazingaAvanti!
:: Byron
:: Risveglio Antropomorto
:: Altromail
:: ZombieGlam
:: Eriadan
:: Monkeyling
:: Dialoghi allucinanti...
:: Brokenmirror
:: SeChAt
:: TLUC
:: HeartShapedKitekat
:: La Locanda
:: Fulmini nell'oscurità
:: Macchianera
:: Macchissenefrega
:: Il cammino del lupo
:: Ctr-alt-canc
:: Citirrì
:: Sestaluna
:: Il blog di Neil Gaiman
:: Giusec&Frienz

[::...Scrivo anche su...::]

Dei o Demoni


*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***
::Hai voglia di parlare?::

Chat
Eowyn di provincia cerca Faramir, anche non numenoreano.
Astenersi perditempo e promessi sposi di principesse elfiche in cerca di emozioni.


*** *** *** *** *** *** *** *** *** *** *** ***
Licenza Creative Commons
Quest' opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.
Blogger Bolognesi Uniamoci! ;)
[::..Quel che e' stato..::]
ottobre 2002 novembre 2002 dicembre 2002 gennaio 2003 febbraio 2003 marzo 2003 aprile 2003 maggio 2003 giugno 2003 luglio 2003 agosto 2003 settembre 2003 ottobre 2003 novembre 2003 dicembre 2003 gennaio 2004 febbraio 2004 marzo 2004 aprile 2004 maggio 2004 giugno 2004 luglio 2004 agosto 2004 settembre 2004 ottobre 2004 novembre 2004 dicembre 2004 gennaio 2005 febbraio 2005 marzo 2005 aprile 2005 maggio 2005 giugno 2005 luglio 2005 agosto 2005 settembre 2005 ottobre 2005 novembre 2005 dicembre 2005 gennaio 2006 febbraio 2006 marzo 2006 aprile 2006 maggio 2006 giugno 2006 luglio 2006 settembre 2006 ottobre 2006 novembre 2006 dicembre 2006 gennaio 2007 febbraio 2007 marzo 2007 aprile 2007 maggio 2007 giugno 2007 luglio 2007 agosto 2007 settembre 2007 ottobre 2007 novembre 2007 dicembre 2007 febbraio 2008 marzo 2008 aprile 2008 maggio 2008 giugno 2008 luglio 2008 settembre 2008 ottobre 2008 novembre 2008 dicembre 2008 gennaio 2009 febbraio 2009 marzo 2009 aprile 2009 maggio 2009 luglio 2009 febbraio 2010 aprile 2010 maggio 2010 agosto 2010 settembre 2010 ottobre 2010 novembre 2010 marzo 2011 agosto 2011
** ** *°* ** **

“Quando il fato t’è contrario e mancato ti è il successo... Smetti di far castelli in aria e va a piangere sul...”

CURRENT MOON
moon phases
** ** *°* ** **


::lunedì, luglio 31, 2006 ::

3 luglio 2006
Areoporto di Montreal
ore 15.15

A quest'ora avremmo dovuto già essere sedute sul nostro bell'areoplanino.
A quest'ora non avremmo dovuto pagare 4 dollari un cappuccino rovente da Starbuks.
Insomma, come si può intuire, il nostro volo per NY è stato cancellato.
CHE PALLE.
Senza un avviso o uno "scusate", a causa di non meglio specificati problemi tecnici, la nostra partenza è stata rimandata di due ore.
E questo, giuro, è l'aereoporto con meno passatempi che abbia mai visto.
Si', persino peggio del Marconi!

In realtà preferisco nettamente non sapere quali siano i problemi tecnici che ci tengono qui, non credo che la mia paranoia potrebbe sopportarne la conoscenza.
Ho accennato, vero, al fatto che sono assolutamente terrorizzata dagli aerei?
No?
Beh, lo sono. In maniera razionale se volgiamo e per nulla isterica, ma mi fanno un paura fottuta.
Ma passiamo ad altro, così non ci penso...

La famosa scheda di immigrazione americana... Ebbene sì!
Essa esiste e non è leggenda!

Ti viene presentato questo grazioso questionario che purtroppo ho dovuto compilare in gran fretta senza aver avuto il tempo di godermelo e farmi le terapeutiche risate che merita...
A voi un estratto delle domande:

- Siete affetti da una malttia contagiosa, problemi mentali o fisici? Fate uso di stupefacenti? Sei un tossicomane?

- Siete mai stati arrestati o condannati per un delitto o un crimine contrario alla morale pubblica?[...] Richiedete l'accesso agli Stati Uniti con l'intenzione di dedicarvi ad attività criminali o immorali?

- Siete mai stati implicati o lo siete tuttora, in attività di spionaggio, sabotaggio, terrorismo, di genocidio o, tra il 1933 e il 1945 avete partecipato in qualsiasi manieraalle persecuzioni perpetrate in nome della Germania nazista o dei suoi alleati?

- Avete intenzione di cercare un lavoro negli Stati Uniti? Vi è già stato rifiutato l'ingresso? Avete ottenuto o cercato di ottenere un visto o ol'ammissione agli Stati Uniti con mezzi fraudolenti o con false dichiarazioni?

(Avevo intenzione di commentarvi queste meraviglie, ma... Si commentano da sole, n'est pas?)

Poi gentilmente ti dicono che il tempo stimato di lettura del formulario è di due minuti, quello per compilarlo da due a quattro minuti, per un totale di circa sei minuti... Un po' come in calce agli articoli di Vanity Fair...


Il lungo percorso del postulante verso la terra dorata delle opportunità è irto di ostacoli e prove iniziatiche, in modo da far capire e apprezzare ai viaggiatori quale onore gli si concede, ammettendoli al check-in.
Per cominciare, il check-in non è certo unico e semplice come negli altri aereoporti, nossignore!
Qui si passa da una prima gentile signora, la quale dà uno sguardo ai passaporti e consegna le carte d'imbarco, mette alla valigia il suo bel cartellino e saluta con gentilezza squisita, indicandoti di proseguire oltre.
Tu non vedresti l'ora di lasciare la tua valigia alle amorevoli cure di prestanti nastri trasportatori e facchini, ormai incurante del suo destino: che la sballottino pure quanto gli pare! Ma il momento non è ancora giunto... Bisogna prima passare da un secondo controllo passaporti dove viene data una velocissima occhiata a voi e al vostro bel modulo 1-94W (quello delle domande, sì).
In realtà il sospetto che sorge è che questo secondo controllo sia messo lì più per spezzare la fila e rallentarla un po', dando così modo a chi si trova agli step successivi di procedere senza essere incalzato troppo duramente da chi lo segue, ma sono solo sospetti detati dallo smaronamento della situazione.
Proseguendo lungo il cammino iniziatico, si arriva ad una stanza con una luuunga coda serpentiforme di persone, cariche delle propie valige, che si incunea, seguendo un misterioso percorso pieno di svolte e angoli improbabili (probabilmente si va a tracciare un qualche cammino simbolico: l'iniziando avanza e arretra nella sua strada verso la luce...) verso gli ufficiali dell'immigrazione.
La scena è dominata da una riproduzione (in plastica? più che probabile) della statua della libertà, dorata, alta un paio di metri e contornata da un picchetto d'onore composto da svariate bandiere a stelle e striscie.
Un cartello avverte che non è permesso fare fotografie.
...
Compiere il percorso in ginocchio non è obbligatorio, però potrebbe essere apprezzato.
La nostra signorina dell'immigrazione è assai socievole e tranquilla, forse per rispettare le indicazioni del cartello che le campeggia alle spalle e che declama "Siete il volto dell'America Siate l'immagine dell'accoglienza e della professionalità del nostro paese!"
Dopo averci preso le impronte (con lo scanner! huuuuuuariù hu-hu hu-hu!) e averci fatto la foto alla retina con una specie di webcam, ci fa passare oltre.
Qui finalmente ci liberiamo della nigredo del nostro bagaglio e lo abbandoniamo al suo destino, lasciandolo libero di mescolarsi con le altrui valige.
L'ultimo step è vicino ed è il solito metal detector per cose e persone, che ci lascia fondamentalmente indenni e, per una volta, non perquisite.

Finalmente siamo al Gate73 e ora aspettiamo.
Fuori dalle vetrate ci sono lavori in corso di proporzioni immani e con un coso gigantesco pianta a terra dei piloni d'acciaio alti una quindicina di metri come fossero puntine da disegno. Pare di essere su Arrakis.

Gli ultimi giorni Montrealesi sono stati un po' frenetici, anche se piacevoli. I miei piedi mi odiano e un po' hanno ragione ad essere onesti.
Abbiamo macinato chilometri, andando a finire costantemente in Place des Arts, al festival del Jazz. Aquistati regalucci, visto spettacoli e concerti vari, infine il tanto agognato SVACCO! Praticamente una necessità.
I prati del vieux port sono accoglienti e conciliano il sonno.
Cena di ieri sera in un locale di cui non ricordo il nome (Magellano? Verrazzano? Pizarro...?), posto molto caruccio, con un cortile-terrazza dall'aria accogliente e una stampa sbiadita di Quarto Stato di Pelizza da Volpedo su una parete.
Mangiato bene, peccato per la corsa che abbiamo dovuto fare poi per prendere metro e autobus...Praticamente una amratona estenuante di scale e sotterranei, un po' come se stessimo scappando da un drago rosso nei sotterranei di qualche dungeon in stile scatola rossa, ma alla fine ce l'abbiamo fatta.
Preso per l'ultima volta il 40, si ritorna al residence universitario e si fanno i bagagli.
Abbiamo ancora un'ora abbondante da aspettare, adesso, il cappuccino è finito e il nostro volo ancora non si fa vivo, sperpero un po' di monetine controllando la posta da una postazione internet e attendo fiduciosa il coso volante che ci traghetterà in terra americana.
Eccoci qui, l'aereo ci imbarca tra pochi minuti, la prossima terra che toccheremo sarà suolo statunitense, saremo a New York... Fa decisamente un certo effetto.


To be continued...


:: Tanachvil alle 21:58 ::pErMaLiNk::
:: Abbiamo vinto 2 Commenti: Usate questo d'ora in poi!!! ::


Questo link resterà qui per un po', per farvi leggere i vecchi commenti, ma d'ora in avanti usate il nuovo link là sopra, grazie!

'^°-.,_,.-°^'^°-.,_ :: :: Double, double, toil and trouble, fire burn and cauldron bubble...:: :: _,.-°^'^°-.,_,.-°^'


This page is powered by 
Blogger. Isn't yours?